Luci (e Ombre) della Ribalta porta sul palco del teatro Martinitt il teatro dell’assurdo.

Luci (e ombre) della ribalta al Teatro Martinitt ph Manuela Giusto

Un momento dello spettacolo Luci (e Ombre) della Ribalta in scena al teatro Martinitt dal 12 al 28 novembre 2021.

L’ultima estate, l’estate di san Martino, ci ha salutati ieri.

Per me l’11 novembre è sempre stato una ricorrenza importante. Un po’ perché fin dall’asilo ho ben stampato in mente l’episodio in cui il santo guerriero divide il suo mantello con un poverello; un po’ perché anni fa, proprio in questo giorno, proprio in compagnia di un Martino, salii per la prima volta sul Duomo di Milano.

Il giorno dopo l’ultima estate è sempre un po’ triste, ma c’è un teatro che, ironia della sorte sempre Martino si chiama, ha pensato di rallegrare questo momento buio con uno spettacolo dalla e con la risata contagiosa.

Proprio da stasera (12 novembre), fino al 28 novembre 2021, va in scena sul palco del Teatro Martinitt Luci (e Ombre) della Ribalta di Jean-Paul Alègre, diretto da Leonardo Buttaroni, con scene di Paolo Carbone.

Luci (e Ombre) della Ribalta, successo internazionale, ripreso da ben 250 compagnie dopo il debutto a Friburgo nel 1997,  è un teatro che vuole suscitare la risata del pubblico e anche del teatro stesso. Non si tratta di “ridere di”, quanto piuttosto di “ridere assieme”.

E dopo l’ultimo periodo disastroso, specie per il teatro, non è solo un diritto ridere, ma anche un dovere.

I teatri, come il Martinitt, che tutto hanno tentato per tenere costantemente viva la fiamma dell’arte e della cultura, devono finalmente abbandonarsi, assieme al loro pubblico, a una risata liberatoria, dietro la quale arriva forte e chiaro questo messaggio:

Ce l’abbiamo fatta! Abbiamo resistito!

Ecco quindi sul palco del Martinitt una commedia, prodotta da La Bilancia e che vede la partecipazione di Giovanni Deanna, Ermenegildo Marciante, Emiliano Morana e Gioele Rotini, che racconta, per mezzo delle sue debolezze, la potenza indistruttibile del teatro.

Attraverso questo riuscito esperimento di metateatro, ci viene mostrato proprio il teatro nella sua interezza, davanti e dietro le quinte.

La scena che va dipanandosi davanti ai nostri occhi, grazie a una scenografia minima e a un canovaccio che è quasi un copione-non-copione, si dilata nel tempo e nello spazio, perdendo entrambe le dimensioni, spaziale e temporale, raffigurando tutti in una volta passato, presente e futuro.

In Luci (e ombre) della Ribalta si fondono realtà e visione, facendoci approdare in una dimensione condivisa in cui il fil rouge è la risata.

Grazie a questa commedia satirica, vincitrice di NEXT 2020, in cui i brevi skech si susseguono a ritmo vorticoso e attori, ruoli, costumi e scene diventano intercambiabili, vi troverete immersi in un’atmosfera allegra, poetica sì, ma soprattutto demenziale di un teatro nel teatro.

Pronti a ridere a crepapelle? Sì?

Bene! Allora, non perdetevi assolutamente Luci (e ombre) della Ribalta.

Francesca Meraviglia


INFO E CONTATTI

Indirizzo: TEATRO/CINEMA MARTINITT, Via Pitteri 58, Milano
Contatti: 0236580010 | info@teatromartinitt.it | www.teatromartinitt.it
Orari: da venerdì 12 novembre a domenica 28 novembre; da martedì a sabato alle ore 21; domenica alle ore 18
Orari biglietteria: lunedì-sabato 10.30-21, domenica 14-21
Prezzi biglietti: 26 euro intero (over 65, 18 euro; under 26, 16 euro) | Abbonamenti a partire da 70 euro

N.B. Per evitare assembramenti è fortemente consigliato l’acquisto anticipato dei biglietti
Tutti gli eventi in programma al Teatro Cinema Martinitt si svolgono nel rispetto delle norme sanitarie e di sicurezza previste dai disciplinari anti-Covid. E’ richiesto il Green Pass.

Fonte e foto: ufficio stampa, che si ringrazia.

Condividi