Un’ora di Niente porta le dicotomie senza tempo sul palco del Teatro Litta.

Un'ora di niente - Paolo Faraoni - Ph press office teatro Litta

Nei prossimi giorni arriva al Teatro Litta di Milano lo spettacolo Un’ora di Niente UN’ORA DI NIENTE di e con Paolo Faroni!

Scrivere è da sempre un modo di aprirsi agli altri, sia che si parli di sé sia che non se ne parli. Nel mio caso, come ormai avranno imparato coloro che hanno avuto la pazienza e il coraggio di leggermi, ogni articolo si apre con un riferimento al mio vissuto, alla mia quotidianità.

Anche questo non fa eccezione.

Ho pensato tanto a come introdurre lo spettacolo Un’ora di Niente, in scena il 15 e 16 giugno presso MTM Teatro Litta, ennesima perla del progetto MTM Teatro – L’Italia dei Visionari.

All’inizio, ho cercato ispirazione nella parola “ora”, ma nella mia mente risuonavano solo le parole della canzone dei Matia Bazar “Per un’ora d’amore”.

Allora la mia ricerca si è spostata sulla parola “niente”. Ho pensato di primo acchito di raccontare della battaglia contro il niente in cui ogni individuo è impegnato quotidianamente, ma per quanto un po’ tale riflessione si leghi allo spettacolo sarebbe stata una banalizzazione. E io detesto scadere nel banale.

Poi un lampo mi ha attraversato la mente, nella quale hanno cominciato a echeggiare queste parole.

La cosa più strana del nostro modo di comunicare è che si tende a parlare più di niente che di qualcosa. Ma io volevo dire che tutto questo ‘niente’ per me ha più significato di tanti ‘qualcosa’.

E come sempre parole così poetiche possono provenire solo da uno dei film che amo di più: C’è posta per te.

Non tutti i niente sono privi di valore. Ed è proprio questo il focus dello spettacolo Un’ora di Niente, messo in scena dalla compagnia Bluscint.

Un’ora di Niente è un monologo che affronta in maniera comica dicotomie classiche come quella tra natura e spirito, eccezionalità e quotidianità, bisogno e sogno.

Il campo di battaglia di tutti questi dualismi conflittuali, secondo Paolo Faroni, che affronta i più svariati temi in un flusso di coscienza colmo di schiettezza, è l’amore.

Amore che è sì atto creativo e fonte di ispirazione alla produzione artistica, ma che è anche signore incontrastato di tutte le cose. Anche del tempo stesso.

Come diceva Virgilio, Omnia vincit amor et nos cedamus amori.

Il monologo di Paolo Faroni, in cui si alternano narrazione e stand up comedy, cabaret e prosa, si sofferma su ogni genere di amore, da quello platonico a quello perverso.

Dell’uomo si accentua quindi quell’aspetto che innumerevoli opere e autori hanno messo in luce: l’aspirazione a elevarsi e l’istinto ad abbassarsi in una continua altalena che caratterizza un’esistenza tra due poli, “paradiso e schifezze”.

Un’ora di Niente è uno spettacolo in cui l’ironia fa da padrona, in cui si discute in maniera leggera, ma non per questo priva di gravità, di temi  che toccano le corde più sensibili del nostro cuore.

Si ride e si riflette, parlando di un niente che molto probabilmente vale più di tanti qualcosa.

Francesca Meraviglia

Blusclint/Paolo Faroni - Un'ora di niente - Trailer

INFO E BIGLIETTI

Indirizzo: MTM Teatro Litta, Corso Magenta, 24 – Milano
Contatti: per info e prenotazioni: biglietteria@mtmteatro.it | 02 86454545 | www.mtm.it
Scarica l’App di MTM Teatro e acquista con un clic
Orari: martedì 15 e mercoledì 16 giugno, ore 20.00
Durata: 60 minuti
Biglietti: Posto unico 12,00€ – Diritto di prevendita 1,80€
Card TeaTreRò – 35,00€ (Una card libera su 3 spettacoli a scelta –  valida su tutte le sale di MTM)

Fonte e foto: ufficio stampa, che si ringrazia.

Condividi